Un mese fa sono tornata da Atene col cuore scaldato dal sole greco e tanta nostalgia delle Cicladi. Atene è un mix meraviglioso di antico e moderno, che insieme convivono e si rispettano. Se da un lato si respira storia a ogni passo, dall’altro ci si gode la vita nel presente.

Una volta arrivati, troverete a darvi il benvenuto Lei, l’Acropoli, in tutto il suo splendore. Che sia giorno o che sia sera, non potrete non notarla subito perché resterà tutto il tempo lì a guardarvi… e continuerà ogni volta a togliervi il fiato.

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Acropoli

Camminare per Atene è come tornare a scuola. Vi sembrerà di andare a lezione di storia dell’arte con i numerosi templi greci e di filosofia immaginando Socrate e Platone nell’Antica Agorà. E alla fine ci sarà spazio anche per la gita scolastica con la freschezza dei quartieri di Plaka o Anafiotika, che vi catapulteranno nel clima delle assolate isole greche.

Ma cosa vedere ad Atene in 3 giorni?

La domanda è sorta spontanea dopo che il mio compagno ha deciso di regalarmi il volo verso questa storica capitale, che non vedevo da quando ero piccola. Tre giorni sono sufficienti per farsi un’idea di questa città, ma vi lascio comunque qualche suggerimento in più in caso abbiate più tempo a disposizione.

1) L’Acropoli

Sono sicura che l’Acropoli sarà la prima tappa da cui vorrete partire per entrare nel giusto mood della città. E avete ragione! Dalla centralissima Piazza Monastiraki la potete raggiungere a piedi con circa 15 minuti di salita o con pochi passi dalla fermata della Metro Acropoli. Se vorrete essere accompagnati da una guida, troverete alla destra dell’ingresso un desk apposito.

Dentro l’Acropoli

Siamo nella “città alta”, cuore religioso di Atene, simbolo del suo potere. È circondata da mura perché rappresentava l’ultimo rifugio in caso di attacco nemico. Nel corso della storia venne distrutta dai Persiani e nel V secolo a.C. venne completamente ricostruita sotto la direzione di architetti come Fidia, Callicrate e Ictino. Sull’Acropoli troverete vari templi dedicati ad Atena, la dea protettrice della città, dalla quale prende anche il nome.

acropoli
Tempio di Atena Nike
Propilei
Propilei, dettaglio
acropoli
Via Panatenaica e Partenone

Fate il vostro ingresso dai Propilei, ammirando a destra il Tempio di Atena Nike. Camminate sulla Via Panatenaica e davanti a voi apparirà imponente il Partenone. Potrete continuare passando alla sua destra e godendovi un punto di vista laterale.

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Il retro del Partenone
acropoli
Partenone e io 🙂

Qui sporgendovi lungo il parapetto, scorgerete anche l’Anfiteatro Odeion di Erode Attico che tuttora ospita concerti e spettacoli moderni. Camminate fino a lasciarvi alle spalle il Partenone e, sempre sulla destra, noterete il Teatro di Dioniso.

acropoli
Odeion di Erode Attico
Eretteo
Eretteo
eretteo
Eretteo, dettagli

Procedendo avanti fino al fondo dell’Acropoli, vedrete un punto panoramico sopraelevato. Qui vi regalerete una delle viste più spettacolari di Atene e dell’Attica.

Tornando indietro sul lato sinistro del Partenone vi troverete davanti all’Eretteo, con la sua splendida Loggetta delle Cariatidi su un fianco, unica nel suo genere in cui le colonne lasciano spazio a delle prosperose figure femminili, che sorreggono la struttura.

acropoli
Loggetta delle Cariatidi
cosa-vedere-ad-atene-in-3-giorni
La Loggetta delle Cariatidi, Eretteo

Consiglio la visita al mattino presto o nel tardo pomeriggio per evitare le torride ore del giorno. (Ingresso: 20€ d’estate, 10€ d’inverno. Durata: almeno 1 ora e mezzo)

TIP: per risparmiare tempo e soldi

Se siete appassionati di archeologia, vi segnalo la possibilità di acquistare per 30€ il biglietto d’ingresso cumulativo valido 5 giorni per un ingresso singolo a 7 siti archeologici, per di più saltando la fila. I siti sono:

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Stoà di Attalo
agorà-ateniese
Tempio di Efesto

Una buona idea è quella di dividere le visite di questi siti in più giorni, tenendo conto che le prime 4 si trovano in posizione centrale e le incontrerete in automatico una dopo l’altra. Le ultime 3 invece sono decentrate e dovrete andarci appositamente.

2) Piazza Monastiraki e il Mercato delle Pulci

Situata in pieno centro, Piazza Monastiraki è sempre gremita di turisti e passanti. È probabilmente il luogo più vivo della città, ritrovo di musicisti di strada e ottimo punto di partenza per l’esplorazione di Atene. In genere da qui molti si godono un’emozionante prima vista dell’Acropoli.

piazza-monastiraki
Piazza Monastiraki
piazza-monastiraki

Da qui inizia anche il Mercato delle Pulci e si dipana per varie viuzze circostanti. Potrete sbizzarrirvi a fare shopping tra negozi di souvenir, abbigliamento, antiquariato, libri usati, ristoranti e ouzeri e, se avrete occhio, potrete scovare e accaparrarvi veri e propri tesori.

piazza-monastiraki
Mercato delle Pulci
cosa-vedere-ad-atene-in-3-giorni

3) Il Museo dell’Acropoli

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Ingresso del Museo dell’Acropoli
cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Vista dal Museo dell’Acropoli

Questo affollatissimo museo (ingresso estivo 10€) riunisce in varie sale i reperti trovati sull’Acropoli. La vista delle statue originali delle Cariatidi non potrà non farvi battere il cuore (quelle sull’Acropoli sono copie), ma la sala più spettacolare senza dubbio è quella dedicata al Partenone.

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Gli originali delle Cariatidi
cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni

Qui sono esposti i fregi e le metope originali ricalcando in parallelo la posizione che assumevano sul vero Partenone, che potrete vedere perfettamente dalle vetrate del museo.

4) Piazza Syntagma

Si tratta di uno spettacolo davvero curioso. La Piazza ospita il Palazzo del Parlamento e qui ogni ora si svolge l’attesissimo Cambio della Guardia davanti alla tomba del Milite Ignoto. Allo scoccare dell’ora la folla di curiosi viene prontamente invitata a stare indietro per consentire il passaggio delle guardie pronte per il nuovo turno.

cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni
Il Cambio della Guardia, Piazza Syntagma
cosa-vedere-ad-Atene-in-3-giorni

Le guardie, chiamate Euzoni iniziano una marcia mista a una danza di circa 10 minuti tra ordini urlati, slanci di gambe e sfoggio della loro curiosa divisa. Uno spettacolo sicuramente da vedere. Ogni domenica alle 11 si svolge sempre il Cambio della Guardia, ma con una cerimonia ben più elaborata.

5) Ermou

Si tratta di una lunghissima e famosissima via pedonale che porta dal sito archeologico di Kerameikos a Piazza Syntagma. È per eccellenza la via dello shopping delle grandi firme internazionali.

Anche qui si ripropone il fil rouge della città. Nel bel mezzo di questa trafficata e moderna strada vedrete apparire la bellissima chiesa Kapnikarea dell’XI secolo, accoratamente salvata e restaurata dall’Università di Atene.

cosa-vedere-ad-atene-in-3-giorni
Ermou e la chiesa di Kapnikarea
Ermou-chiesa-Kapnikarea
La chiesa di Kapnikarea

6) Collina del Licabetto

Atene è circondata da varie colline, tra le quali spunta la Collina del Licabetto. Con una camminata di circa mezz’ora da Piazza Monastiraki, arriverete ai suoi piedi – faccio presente che non mancheranno le salite o le rampe di scale.

collina-del-licabetto
Vista della collina del Licabetto dall’Acropoli
Collina-del-Licabetto
Chiesa di San Giorgio, Collina del Licabetto
collina-del-licabetto
Vista dalla collina del Licabetto

Dopodiché potrete continuare la salita della collina a piedi o con la funicolare che in pochi minuti vi porterà su (funicolare 10€ andata e ritorno). In cima troverete un ristorante e la Chiesa di San Giorgio,  ma soprattutto potrete godervi la vista di Atene a 360 gradi. Considerate di venirci al tramonto per godervi uno spettacolo incredibile.

Al ritorno vi troverete nell’elegante zona di Kolonaki ed, essendo in zona, potrete approfittarne per visitare il Lykeion.

7) Stadio Panatenaico

Tappa da non perdere (ingresso 10€, inclusa audioguida in italiano, durata 45 minuti). Lo Stadio Panatenaico costruito intorno al 330 a.C. era la sede degli Antichi Giochi Panatenaici. Rimasto abbandonato per secoli, alla fine del 1800 fu rivestito di candido marmo bianco pentelico, lo stesso utilizzato sull’Acropoli. In seguito ospitò i primi Giochi Olimpici dell’era moderna e la prima maratona nel 1896.

stadio-panatenaico
Lo Stadio Panatenaico
stadio-panatenaico
stadio-panatenaico
Alcune fiaccole olimpiche

Vi emozionerete immaginando gli atleti che si sono esibiti nei secoli, camminando tra gli spalti e contemplando le fiaccole olimpiche, conservate all’interno. E perché no, se vorrete, potrete provare voi stessə l’ebrezza di fare un giro di corsa sul mitico circuito, sui passi dei grandi sportivi della storia.

8) Plaka e Anafiotika

Si tratta di due delle zone certamente più turistiche di Atene, ma devo ammettere che ciò non toglie loro fascino. Plaka è piena di ristoranti, negozi tipici e di conseguenza sempre colma di gente. Anafiotika dal canto suo è una zona che vi rimanderà all’atmosfera delle isole greche, dandovi l’illusione di sentire il profumo del mare.

cosa-vedere-ad-atene (58)
Anafiotika

9) Mercato Municipale Centrale

Allontanandovi da Piazza Monastiraki in direzione Omonoia, troverete il Mercato Municipale Centrale. È vero, non è grandissimo e magari nemmeno il più emozionante dei mercati che ho visitato, ma come ogni mercato locale, è frequentato soprattutto da ateniesi, quindi qui potrete godervi uno spaccato autentico della vita quotidiana, tra verdure, carni, pesce e spezie a prezzi concorrenziali.

Mercato-Municipale-Centrale
Mercato Municipale Centrale
Mercato-Municipale-Centrale
Le macellerie del Mercato Municipale Centrale

10) Museo Benaki

Per chi vuole approfondire la conoscenza della cultura greca, qui troverà quello che cerca. Il Museo ripercorre tutta la storia della Grecia attraverso reperti della cultura ellenica.

11) I tramonti di Atene

Se già i tramonti grechi sono di per sé qualcosa di incredibile, goderveli da uno dei tantissimi punti alti della città ve li renderà indimenticabili. Ecco 3 suggerimenti su dove andare:

  1. L’Acropoli stessa è un ottimo punto, ma se l’orario di chiusura è antecedente al tramonto una volta usciti, salite sull’Aeropago, una piccola collinetta rocciosa subito fuori dall’ingresso. Non potrete non notarla, è sempre presa d’assalto… e c’è un buon motivo!
  2. La Collina del Licabetto, di cui abbiamo già parlato.
  3. Se invece volete stare seduti comodi, magari anche sorseggiando un buon cocktail, la scelta non può che ricadere su uno dei tantissimi rooftop bar. Avrete l’imbarazzo della scelta e tra i miei preferiti ci sono l’Hyper Astro Bar (drink da 10€, ingresso da Athinas 2), l’A for Athens, o l’Anglais Athens, tutti in zona Monastraki. Vi prometto che non ve ne pentirete!
cosa-vedere-ad-atene-in-3-giorni
I rooftop di Atene
cosa-vedere-ad-atene-in-3-giorni
I tramonti di Atene

Cosa mangiare e dove mangiare ad Atene

Com’è noto, un paese si scopre anche a tavola e la cucina greca a mio parere merita un capitolo a sé. Motivo per cui vi rimando a quest’altro mio articolo sui piatti tipici che mangerete in Grecia.

I greci cenano tardi, in genere intorno alle 22, ma nelle zone più turistiche i ristoratori si adeguano alla richiesta e si mangia prima.

Evitare ristoranti turistici in zone centrali come Monastiraki sembra un’impresa, eppure posti in cui mangiare senza spendere una fortuna ci sono. Un esempio è Maiandros in cui non mancano i piatti classici della cucina greca che tutti conosciamo con un tocco di autenticità in più.

Spostandoci nella zona di Plaka, potrete addentrarvi nella cucina greca e provare di tutto nella taverna To Kafeneio. Ve ne innamorerete. Proprio lì accanto una valida alternativa è Scholarchio, anch’esso fedele alla tradizione.

Nella zona di Kolonaki riscuote molto successo tra gli ateniesi Filippou.

Vi segnalo un altro locale decisamente particolare. Nella zona del Mercato delle Pulci, troverete una sofisticata pasticceria tutta di colore rosa, dagli esterni, agli arredi, ai dolci! Si chiama Ellyz Café, molto particolare e super instagrammabile!

ellyz-café
Ellyz Café
ellyz-café
Ellyz Café

Dove alloggiare ad Atene

Il mio consiglio è di privilegiare la comodità, e tutto sommato anche la sicurezza, e pernottare in zona centrale, vicini a tutto. Tra Monastiraki, Plaka e Syntagma, troverete hotel per tutte le tasche e anche tantissimi appartamenti privati, molti con vista sull’Acropoli.

Il mio alloggio è stato un comodissimo monolocale di Athina StreetApartments, a 5 minuti a piedi da Piazza Monastiraki.

Curiosità

In tutta la Grecia, il sistema fognario è diverso da come siamo abituati. Le tubature sono molto strette, di conseguenza ovunque è severamente vietato gettare carta igienica nei wc. Pena l’addebito di spese di stasamento… Sembra strano, eppure è così!

Come muoversi ad Atene

Atene è una città che si gira bene e rapidamente a piedi. Ricordate solo che ci saranno vari saliscendi, anche solo per l’ovvia salita all’Acropoli, la Città Alta appunto, o per raggiungere la Collina del Licabetto. Tuttavia, è dotata di un’efficiente rete metropolitana.

La stessa metro arriva anche in aeroporto in circa 45 minuti e passa ogni mezz’ora nelle ore diurne (costo: 20€ andata e ritorno, 2 persone: andata e ritorno 36€).

Un’alternativa molto comune, anche se più cara, è quella di accordarsi con la struttura in cui pernottate che vi organizzerà un transfer privato per circa 40€ per due persone, qualcosa meno di quanto vi chiederebbe un taxi.

Quando andare ad Atene

Se potete scegliere, il consiglio è quello di evitare l’estate. Le temperature possono diventare davvero torride e non bisogna dimenticare che i siti archeologici, principale attrattiva della città, sono naturalmente tutti all’aperto. L’unico modo per vivervi Atene sarà la mattina presto e il tardo pomeriggio, magari riposandovi nelle ore più calde della giornata.

Per evitare tutto ciò, incluso il litigarvi coi turisti le poche zone d’ombra, meglio optare per una comoda primavera o un morbido autunno. In questo modo eviterete anche l’alta stagione turistica, quindi folle e file ovunque e oltretutto ci sarà anche un risparmio sugl’ingressi ai vari siti, che ora spiego.

TIP

I prezzi di siti e musei cambiano a seconda delle stagioni. L’estate è alta stagione e in molti casi il prezzo raddoppia rispetto alla bassa stagione. Quindi se con 10€ a gennaio si acquista il biglietto singolo per l’Acropoli, a giugno ne serviranno 20€. Valutate!

Sicurezza ad Atene

Vivendo Atene tra le sole zone centrali, quindi tra Piazza Monastiraki, Plaka, Syntagma e l’Acropoli si ha un po’ la sensazione di trovarsi in una bolla turistica controllata. In effetti basta allontanarsi un attimo, ad esempio verso Omonoia, per notare che la situazione cambia un po’.

Se volete evitare problemi, basterà che rimaniate nelle zone centrali, pattugliate di frequente da agenti di polizia in bicicletta.

Occhio al portafogli nelle aree più affollate, come ad esempio il Mercato delle Pulci a Monastiraki. Atene può veramente riempirsi di turisti specie in concomitanza con gli sbarchi delle crociere, quindi fate attenzione.

Il mio viaggio nella capitale ellenica termina qui. Spero di avervi incuriosito se non siete mai stati ad Atene o invogliato a tornarci se già la conoscevate.

Sono stata davvero felice di rivederla e mi sono portata a casa il ricordo di questa preziosa coesione tra antico e moderno. Il turismo odierno si basa interamente sulla storia, ma la storia senza un presente interessato ad ascoltarla non avrebbe motivo di esistere. Tutto ciò ad Atene è più che tangibile.

Se ancora non l’avete fatto, seguitemi su Instagram dove troverete tanti altri spunti e contenuti di viaggio! Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *